Kerstin Feuge

L’origine delle lingue

L’importanza evolutiva della curvatura

In questo lavoro viene sviluppata la teoria che tutte le lingue sulla terra risalgono a un comune principio basilare della curvatura. Questo implica con la curvatura concava e convessa due elementi che si uniscono per formare un cerchio.

Come sinonimo del concetto della curvatura si possono usare termini come “curvarsi, gonfiarsi, espandersi, dilatare, estendersi, accrescere, aumentare”. Il cerchio quale concetto basilare del liguaggio umano può essere accostato al concetto dell’espandersi e costituisce quindi la base per la nascita della parola. Il cerchio dunque quale simbolo del rigonfiamento rappresenta una struttura fondamentale del linguaggio. Questa teoria è coerente con le tesi del lavoro “Origine, evoluzione e pietre basilari del linguaggio umano” di Lino Franceschini che vengono così confermate. Sotto questo aspetto il cerchio, quale simbolo dell’espandersi, rappresenta una struttura fondamentale del linguaggio e offre non solo un nuovo approccio scientifico bensì anche un forte argomento a favore di una lingua originaria comune propagata da diversi studiosi. Alla base di questa lingua primigenia, il cosiddetto „Proto World“, non sta però un’ipotetica antica protolingua da cui sarebbero derivate tutte le lingue e tutte le famiglie linguistiche, bensì un unico concetto originario, quello dell’espandersi, comune a tutte le lingue.

In rappresentanza delle lingue Niger-Congo è stato studiato il Proto-Bantù. Le lingue Bantù da esso derivate vengono parlate in un territorio che va dal Sudan fino a tutta l’Africa meridionale. Come già constatato dal P.W. Schmidt, si tratta di „una zona linguistica con una omogeneità delle lingue in essa parlate che non si trova da nessuna altra parte per una così vasta espansione di territorio“. La famiglia linguistica austronesiana è distribuita su una vastissima area che va sull’asse ovest-est dal Madagascar fino alle isole Pasqua e in direzione nord-sud da Taiwan fino alla Nuova Zelanda. Entrambe le famiglie linguistiche sono state per lungo tempo tramandate solo oralmente, fattore questo che evidenzia il carattere originale di questi idiomi. Esse sono pertanto estremamente interessanti per la ricerca e hanno una funzione chiave per quanto riguarda l’analisi delle correlazioni genetiche del linguaggio umano.

Kerstin Feuge è nata a Amburgo nel 1963. Ha studiato lingue e cultura dell’Austronesia, linguistica generale e fonetica. Dottorato nel 1990 in Fonetica.